Scoperto "grilletto molecolare" dell'artrite reumatoide
 
Home Page Ufficiale ASMAR Chi Siamo Notizie Iscriviti ad ASMAR SARDEGNA Come Contattarci

    

Scoperto un "grilletto molecolare" dell'artrite reumatoide che attiva la sintesi di anticorpi nocivi nell'organismo dei pazienti e amplifica processi infiammatori patologici. La ricerca è stata pubblicata sull'ultimo numero della prestigiosa rivista "Nature Communications". Gli autori dell'importante studio, che apre anche nuove prospettive terapeutiche per i malati, sono ricercatori della Facoltà di Medicina e chirurgia dell'Università Cattolica del Sacro Cuore e della Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli di Roma. Si tratta di una molecola chiamata microRNA155 e i ricercatori, grazie alla collaborazione con colleghi dell'Università di Glasgow, hanno testato con successo un potenziale "farmaco" per disinnescare questo grilletto.

La scoperta è frutto del lavoro dei reumatologi Stefano Alivernini e Barbara Tolusso coordinati da Gianfranco Ferraccioli, Ordinario di Reumatologia alla Cattolica e Direttore del Polo di Scienze Reumatologiche, Dermatologiche, Immuno-Allergologiche, Urologiche e Nefrologiche del Policlinico A. Gemelli. L'artrite reumatoide è una malattia infiammatoria progressiva con una incidenza tra lo 0.5% e l'1 della popolazione. Interessa primariamente le articolazioni e coinvolge tutti gli organi e apparati causando un aumento di morbidità (malattia) e la riduzione dell'aspettativa di vita. Affligge più frequentemente le donne, insorgendo più spesso nella quarta-quinta decade di vita. La base della malattia è una reazione "autoimmunitaria", durante la quale cellule di difesa - i linfociti T e linfociti B - normalmente deputate a riconoscere ed eliminare agenti infettivi - si rivoltano contro lo stesso organismo e generano infiammazione distruttiva diretta contro le articolazioni e gli organi interni del paziente, nonché producono anticorpi (i cosiddetti autoanticorpi) patologici che attaccano a loro volta le articolazioni.Studiando campioni biologici di oltre 60 pazienti, gli esperti hanno scoperto che la "chiave di volta" della malattia è il micro-RNA155 (miR155), che é in grado di attivare le cellule facendole divenire patogene. E non è tutto, i ricercatori hanno anche dimostrato che, quando presente in eccesso, questo microRNA riduce la presenza di una importante molecola anti-infiammatoria chiamata Pu-1. Bloccando però miR155 attraverso una molecola specifica, fornita dai ricercatori dell'Università di Glasgow, è possibile spegnere l'infiammazione determinando l'aumento di Pu-1, che è, appunto, un potente inibitore dell' infiammazione."Il lavoro", sottolinea Ferraccioli, "è durato 5 anni ed ha richiesto lo studio di vari campioni (oltre a cellule del sangue e cellule del liquido articolare) di cellule del tessuto sinoviale e la collaborazione di oltre 60 pazienti che hanno acconsentito a essere studiati nel tempo, prima e durante le terapie". "La scoperta apre nuovissime prospettive terapeutiche e soprattutto insegna che il controllo della infiammazione prodotta dalle cellule B che producono gli autoanticorpi nocivi", conclude il reumatologo dell'Università Cattolica, "è realmente possibile senza usare farmaci o chemioterapici che abbattono le cellule B". (fonte:aska news)

facebookgroupasmar

guidepazienti - Copy

Chi è online

Abbiamo 43 visitatori e nessun utente online

800-09-03-95

REUMAONLINE.IT come tutti i siti web, utilizza cookies allo scopo di migliorare la navigazione. Continuando la navigazione su queste pagine acconsenti al loro utilizzo. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information